X Chiudi

Pompe di calore

Una soluzione efficace per aumentare l’efficienza energetica del tuo impianto

Refrigerazione e riscaldamento costituiscono una fetta importante della bolletta energetica di tutti gli edifici industriali.
Le esigenze di riscaldamento sono normalmente soddisfatte da una caldaia alimentata a combustibile fossile. Spesso esiste l’opportunità di sostituire od affiancare la caldaia esistente con un dispositivo in grado di produrre il calore necessario in una maniera energeticamente ed economicamente più efficace: la pompa di calore.

La pompa di calore è una macchina costruttivamente simile ad un gruppo refrigeratore, ma progettata per produrre acqua calda a temperature anche superiori ai 90°C sfruttando il calore a bassa temperatura disponibile gratuitamente da sorgenti naturali o da cascami termici di processi industriali.

E’ abbastanza frequente che i processi industriali producano quantità rilevanti di calore che però non possono essere utilizzate in quanto si trovano ad una temperatura troppo bassa.

Analizziamo ad esempio quanto si verifica in uno stabilimento dove si producono salumi.

Il processo richiede la presenza di un impianto di refrigerazione che per funzionare dissipa in ambiente, attraverso un condensatore o una torre evaporativa, calore ad una temperatura di circa 35°C. Tale calore può essere impiegato per alimentare una pompa di calore in grado di produrre tutta l’acqua calda a 60÷70 °C necessaria per i processi di asciugamento e stagionatura e che altrimenti dovrebbe essere prodotta con una caldaia.

L’energia prodotta attraverso la pompa di calore è considerata a tutti gli effetti dalle normative europee energia rinnovabile.

L’installazione di una pompa di calore costituisce un metodo per riqualificare energeticamente un edificio e ciò può consentire di accedere a bandi per ottenere contributi o finanziamenti agevolati e rendere il tempo di ritorno dell’investimento ancora più breve.